X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

animali onirici e animali di potere

10/07/2016 : 16:58

Accade spesso che nei sogni incontriamo animali,  familiari o sconosciuti,  addomesticati o fiere,  e addirittura creature mitologiche che uniscono varie componenti animali.  Sono personaggi importanti del sogno in quanto essi rappresentano metaforicamente le energie vitali  che guidano la nostra vita inconscia. Finora, in ambito psicoanalitico, gli animali onirici sono stati interpretati come la parte istintuale e sessuale del nostro essere,  e che i canoni morali della nostra cultura occidentale ci obbligano ad addomesticare o a reprimere in quanto considerati impulsi fuori dal controllo, ovvero "asociali".

Curiosando invece nelle tradizioni sciamaniche, vediamo che la connessione tra gli esseri umani e il mondo animale è fondamentale. Secondo queste culture, ognuno di noi possiede uno spirito animale  alleato che ci protegge, ci dà forza, vitalità, salute, protezione e aiuto nei momenti difficili della nostra vita. Chiamato “animali di potere” o totemici, essi  sono  in genere animali selvaggi e quindi, non addomesticati, e rappresentano delle qualità e alcune virtù che ci appartengono oppure di cui abbiamo bisogno in una fase particolare della nostra vita: astuzia, coraggio, saggezza, prudenza ecc. Inoltre, lo spirito dell'animale infonde nel nostro corpo un potere che gli permette di resistere all’intrusione di forze nocive esterne (malattie).  Il legame tra l’uomo e il suo Animale totemico è molto potente.  In ogni circostanza è possibile invocarlo e riceverne subito l’aiuto. Quando la relazione con l'Animale di Potere non viene riconosciuta o viene trascurata, esso si allontana. Ciò si ripercuote con una forte perdita di energia vitale, la stanchezza cronica, la salute cagionevole, la depressione, la perdita di autostima.  Nelle culture sciamaniche, l’alleanza con il proprio spirito animale è fondamentale per avere forza vitale e il potere sulla propria vita.  Quando una persona della tribù si ammala oppure non ha più capacità di ripresa, significa che il suo animale di potere lo ha lasciato.  Lo sciamano in uno stato modificato di coscienza,  scenderà allora nel mondo inferiore a caccia di un animale che gli ridia potere ed energia, che si tratti dell’animale tutelare o di un nuovo animale. Egli cercherà, se possibile, il doppio animale, ovvero l'animale che la persona aveva fin da piccola e che ora si è allontanato. Una delle modalità più diffuse per la ricerca e recupero del proprio animale di potere è il viaggio sciamanico. Il viaggio sciamanico è una esplorazione in uno stato di coscienza modificata che non si discosta dal sogno, anzi, è un sogno indotto e guidato.  L'uomo moderno “industrializzato” viene deprivato dalla sua forza, dal suo istinto e dalla sua intuizione per  diventare una creatura “sociale”e per essere governabile. La politica, la scienza e la religione, obbligandoci ad rientrare in modelli artificiali per essere socialmente accettati, ci ha deprivato dei nostri poteri naturali. Gli animali onirici sono energie di cui ci siamo dimenticati o che abbiamo abbandonato in un percorso di vita svolto in binari ristretti.  Perciò, quando sognate,  accogliete con gioia e curiosità  leopardi, lupi, aquile, orsi, coccodrilli, serpenti,  lontre ed altri animali selvaggi perché essi vengono per ricordarci che siamo Natura e, quindi,  infinitamente potenti!

Ultimo aggiornamento: 11/07/2016 - 10:52

Progetti in partnership

Ildegarda di Bingen, ieri, oggi e domani

Presentazione del Metodo CorpoMenteSpirito

Ildegarda di Bingen, ieri, oggi e domani

Presentazione del libro di Marie Noelle Urech alla libreria Salvemini di Firenze

Sogni, messaggi dall'anima

I sogni ci rivelano una dimensione molto piu' ampia del nostro essere, non locale e quantistica, capace di fare esperienze straordinarie in altri mondi, di incontrare defunti, di raccogliere informazioni sul passato, presente e futuro.

Protagonisti del nuovo mondo

La sintesi tra i due emisferi cerebrali, tra ragione e intuizione, si rende necessaria per diventare protagonisti di un Nuovo Mondo che ci richiede una visione unitaria.

Due parole su Viriditas

Marie Noelle Urech, presidente di Viriditas ci parla di Ildegarda Di Bingen e dei principi su cui si fonda l'associazione.
Associazione Ildegardiana Viriditas - via dei Giardini 37 - 01100 Viterbo - tel/fax: 0761-1711794 e-mail: centroviriditas@gmail.com
Realizzato con Simpleditor 1.7.5