X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Le spie che ci avvertono

12/03/2019 : 20:07

LE SPIE CHE CI AVVERTONO

Per comprendere il tuo corpo di oggi, guarda i tuoi pensieri di ieri.

Per conoscere il tuo corpo di domani, guarda i tuoi pensieri di oggi.

(Proverbio indiano)

 

Quando ci troviamo in alcune situazioni ad interagire con le persone, ci accorgiamo spesso di avere perso energia, ci ritroviamo come “svuotati”. In altre situazioni con altre persone, succede il contrario:  espansione, leggerezza, vitalità.  Il corpo è molto intelligente e sensibile,  avverte prima della nostra mente quando una situazione ci è sfavorevole o favorevole.  Il nostro corpo è come un’antenna, riceve ed emette costantemente onde. Un cerchio alla testa, un dolore alle gambe, una digestione difficile, una storta, un mal di dente, ad esempio, sono piccoli segnali, di intensità minore, che traducono un nostro disagio di fronte ad alcune situazioni. Un disagio di cui non abbiamo ovviamente consapevolezza oppure che non vogliamo affrontare in quanto sgradevole. Dobbiamo sempre prestare attenzione ai  segnali come le sensazioni corporee (freddo, caldo, formicolio, strozzamento, peso, respiro, debolezza, contrazione) e alle emozioni che si esprimono fisicamente come la rabbia, la paura, la tristezza, l’impotenza). Altrettanto per le sensazioni corporee ed emozioni piacevoli. Il nostro corpo ci sta parlando attraverso i sintomi, usa la metafora per dirci le verità che non vogliamo vedere o accettare. I  sintomi - dai più banali come una dermatite,  un mal di testa o una digestione laboriosa  ai più gravi-  parlano  dei nostri bisogni profondi che non sono soddisfatti, delle incongruenze tra ciò che siamo veramente e ciò che ci sforziamo di essere per sentirci accettati dagli altri.  I sintomi e le malattie ci aiutano a  soddisfare alcuni bisogni profondi nella misura in cui non riusciamo  a soddisfarli consciamente, come ad esempio una bella influenza che irrompe in un momento di culmine di un lavoro stressante.  L’influenza ci permette di fermarci, di prenderci cura di noi stessi, di riposare.  Il corpo ci parla delle parti nascoste del nostro essere, delle “quinte” della nostra vita, dove celiamo tutto ciò che può mettere in discussione un ruolo, un personaggio, una parte che abbiamo scelto di interpretare ma che non riflette il nostro essere autentico, la nostra verità profonda.  Nella formazione Ccms, impari ad ascoltare il tuo corpo e a riconoscere le spie che si accendono.

 

 

Ultimo aggiornamento: 12/03/2019 - 20:07

Attivita del centro

Progetti in partnership

Ildegarda di Bingen, ieri, oggi e domani

Presentazione del Metodo CorpoMenteSpirito

Ildegarda di Bingen, ieri, oggi e domani

Presentazione del libro di Marie Noelle Urech alla libreria Salvemini di Firenze

Sogni, messaggi dall'anima

I sogni ci rivelano una dimensione molto piu' ampia del nostro essere, non locale e quantistica, capace di fare esperienze straordinarie in altri mondi, di incontrare defunti, di raccogliere informazioni sul passato, presente e futuro.

Protagonisti del nuovo mondo

La sintesi tra i due emisferi cerebrali, tra ragione e intuizione, si rende necessaria per diventare protagonisti di un Nuovo Mondo che ci richiede una visione unitaria.

Due parole su Viriditas

Marie Noelle Urech, presidente di Viriditas ci parla di Ildegarda Di Bingen e dei principi su cui si fonda l'associazione.
Associazione Ildegardiana Viriditas - via dei Giardini 37 - 01100 Viterbo - tel/fax: 0761-1711794 e-mail: centroviriditas@gmail.com
Realizzato con Simpleditor 1.7.5