X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
× Home Associazione Viriditas Ildegarda di Bingen Formazione CCMS Metodo Simonton Eventi Articoli Contatti Privacy Policy

Connessioni tra mente e cuore

"Rare sono le persone che usano la mente,
poche coloro che usano il cuore e uniche coloro che usano entrambi."

(Rita Levi-Montalcini)

Per quanto il cuore e la mente siano sempre stati separati nella nostra visione culturale, i ricercatori John e Beatrice Lacey hanno dimostrato negli anni ’60 che il cuore e la mente comunicano e sono in stretto collegamento attraverso il sistema nervoso. Le nostre emozioni e sentimenti influenzano i nostri pensieri e viceversa. Nel suo appassionante libro Intelligenza emotiva, lo psicologo Daniel Goleman illustra come la facoltà che governa i settori decisivi della nostra esistenza non sia l'intelligenza razionale, ma una complessa miscela in cui giocano un ruolo predominante qualità quali l'empatia, l’auto-consapevolezza, la motivazione, la compassione.
Se finora siamo stati in grado di creare una rete di menti attraverso il pianeta grazie alla rete web, è altrettanto urgente mettere il cuore in rete. È l’obiettivo ambizioso che si propone l’Institute of HeartMath, un’organizzazione di ricerca e di educazione internazionale non-profit. Gli scienziati dell’Istituto HeartMath hanno condotto una ricerca approfondita sul potere dell’intelligenza del cuore, l’intuizione e la connessione energetica tra i sistemi viventi, organizzando un programma per aiutare la gente a ridurre lo stress, armonizzare le proprie emozioni, rafforzare la resilienza, utilizzando strumenti molto semplici quali la respirazione e la meditazione per raggiungere uno stato di coerenza tra mente e cuore.
Insieme al Global Coherence Initiative (GCI)[1], hanno esplorato il complesso sistema di scambio di informazioni tra cuore e cervello e l’influenza delle emozioni sulla biologia umana, correlandola alle influenze che i campi geomagnetici e l'attività solare esercitano sulla nostra vita. Se tutti i sistemi viventi sono interconnessi e comunicano tra loro tramite campi biologici, elettromagnetici e non locali, è ovvio che gli esseri umani possono lavorare insieme in un rapporto di co-creazione per aumentare consapevolmente la coerenza nell'ambiente del campo globale, che a sua volta distribuisce questa informazione a tutti i sistemi viventi all'interno del campo. La portata di un tale progetto è incommensurabile. Se, al di là dei fattori ambientali,  ci convinciamo che l'attenzione umana e le emozioni possano influire direttamente il mondo fisico e gli stati mentali ed emotivi degli altri, aumenta la nostra consapevolezza e si arricchisce la nostra visione. Possiamo utilizzare consapevolmente questa connessione per plasmare il futuro del mondo in cui viviamo.  Nelle nostre mani, nelle nostre menti e nei nostri cuori è riposto il nostro futuro. Possiamo scegliere di realizzarlo. Questa scelta va determinata da una necessità interiore più che da imperativi pratici, economici e contingenti. È in gioco la manifestazione del nostro potenziale umano, la nostra capacità di darci a qualcosa di più grande per creare una nuova coscienza planetaria.

Nella Formazione Ccms, creiamo la connessione tra mente e cuore.

Per info e iscrizioni al corso di Facilitatore:

Seguici su Facebook

centroviriditas@gmail.com

telefono (+39) 0761 17 11 794

 

 

[1] Un progetto scientifico che raduna gruppi di volontari focalizzati sul proprio cuore e sull’intenzione, allo scopo di facilitare il salto da uno stato di instabilità e conflitto verso una coscienza globale basata sull’equilibrio, la cooperazione e la pace.

seguici su facebook seguici su Instagram seguici su YouTube
Associazione Ildegardiana Viriditas - centroviriditas@gmail.com C.F.: 90051330562 P.Iva: 01700340563
Realizzato con Simpleditor 1.7.5