X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Storia di una guarigione

12/03/2019 : 20:14

Storia di UNA Guarigione

Guarire è toccare con amore ciò che abbiamo precedentemente toccato con paura                            (Stephen Levine)
 

Guarire non è di per sé un fine.  È un processo, un percorso impegnativo.  Per usare una metafora nota, non è arrivare in vetta alla montagna, bensì il percorso che mettiamo in atto per arrivarci.  I percorsi sono tanti: si può contornare la montagna, arrampicarsi su linee verticali, usare sentieri da muli, percorrere strade già tracciate a due corsie, usare lo ski-lift , oppure un elicottero per chi soffre di impazienza.  La bellezza del traguardo si rivela nel percorso stesso.  Una volta che ci incamminiamo, ci accorgiamo che giungere alla vetta non diventa più così importante quanto la profonda trasformazione che il percorso attiva nel nostro essere.  La vetta servirà soltanto a racchiudere in uno  sguardo un ampio paesaggio di noi stessi, che non immaginavamo.  La guarigione, che si palesi sul piano fisico o spirituale, è semplicemente la scoperta di un altro sé, ovvero della nostra natura più elevata e pura.  Non parliamo della dimensione dell’anima, abbozzata in maniera ambigua dalle religioni istituzionalizzate che se ne vogliono appropriare.  Non si tratta della psiche individuata e analizzata dalla psicologia.  Si tratta della nostra essenza profonda e libera, senza etichetta di alcun tipo, senza una forma definita.  È il ritorno alla nostra  versione originale, dopo un lungo spoglio di sovrastrutture, condizionamenti e credenze.  È l’accettazione totale di tutto ciò che siamo stati e siamo, il “Io sono quello” , il Tat tvam asi  del Vedanta, il punto di unione di tutte le cose in cui giudizio, paragone, valutazione scompaiono.   Una volta giunti in cima,  colmi di una nuova energia, guarderemo al percorso e alle sue scoperte come al periodo più straordinario della nostra vita.  Ad un processo che ci ha permesso di nascere una seconda volta.  All’opportunità di una vita più consapevole e rispettosa di noi stessi.  Ci accorgiamo allora che la vetta non è più un punto d’arrivo bensì di partenza, dove tutte le parti del nostro essere convergono in una nuova armonia verso la semplicità dell’amoreLa guarigione intesa come riconciliazione con se stessi è al centro  della formazione Ccms.

Ultimo aggiornamento: 12/03/2019 - 20:14

Attivita del centro

Progetti in partnership

Ildegarda di Bingen, ieri, oggi e domani

Presentazione del Metodo CorpoMenteSpirito

Ildegarda di Bingen, ieri, oggi e domani

Presentazione del libro di Marie Noelle Urech alla libreria Salvemini di Firenze

Sogni, messaggi dall'anima

I sogni ci rivelano una dimensione molto piu' ampia del nostro essere, non locale e quantistica, capace di fare esperienze straordinarie in altri mondi, di incontrare defunti, di raccogliere informazioni sul passato, presente e futuro.

Protagonisti del nuovo mondo

La sintesi tra i due emisferi cerebrali, tra ragione e intuizione, si rende necessaria per diventare protagonisti di un Nuovo Mondo che ci richiede una visione unitaria.

Due parole su Viriditas

Marie Noelle Urech, presidente di Viriditas ci parla di Ildegarda Di Bingen e dei principi su cui si fonda l'associazione.
Associazione Ildegardiana Viriditas - via dei Giardini 37 - 01100 Viterbo - tel/fax: 0761-1711794 e-mail: centroviriditas@gmail.com
Realizzato con Simpleditor 1.7.5