X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
× Home Associazione Viriditas Ildegarda di Bingen Formazione CCMS Metodo Simonton Eventi Articoli Testimonianze Contatti Privacy Policy

Come ammaestrare l'ego

Spesso sentiamo parlare di ego senza capire veramente di cosa si tratti. Di solito viene associato a qualcosa di negativo nell’essere umano come un nucleo duro di egoismo, di freddezza, di manipolazione. Alcune discipline religiose e spirituali demonizzano l’ego e si impegnano a spezzarlo per raggiungere la via spirituale, con l’effetto che più si tenta di combatterlo, più sembra crescere a dismisura. In realtà, l’ego rappresenta la nostra individualità, e il suo principale scopo è quello di salvaguardare il nostro essere e tenerlo lontano da ogni potenziale pericolo. È una costruzione mentale della realtà che noi ci creiamo per proteggerci dal dolore e dal non senso. A questa costruzione che inizia negli anni più teneri della nostra infanzia, partecipano le credenze, i diktat della famiglia nella quale cresciamo, le regole imposte dalla società, dalla religione e dall’ambiente. Tutto ciò contribuisce a creare una immagine di sé e del mondo con la quale ci identifichiamo totalmente, generando anche molto dolore e senso di separazione se gli permettiamo di prendere il totale controllo del nostro essere.  In tale caso alcuni eventi dolorosi e prese di coscienza ci riporteranno ad una rimessa in discussione e  ci avvicineranno al centro del nostro essere. Comunque l’ego non va combattuto né demonizzato,  è parte di noi e ha anche una funzionalità indispensabile per la nostra sopravvivenza, ma non è al centro del nostro essere. La cosa più importante è riuscire a vederlo all’opera, esserne il testimone, accettarlo per poi prenderne le distanze. Per ammaestrare l’ego la prima tappa è rendersene conto,  la seconda è l’accettazione, la terza è la disidentificazione per indirizzare le sue energie ad un livello superiore. In questo livello non c’è più separazione o dolore, ma un profondo senso di connessione alla vita. In questo caso trasformiamo l’ego in un alleato, nella migliore tradizione sciamanica. Durante la formazione Ccms impariamo a riconoscere i vari giochi dell’ego, lo trasformiamo in alleato per finalmente assaporare l’ essere in amore con se stessi.

seguici su facebook seguici su Instagram seguici su YouTube
Associazione Ildegardiana Viriditas - centroviriditas@gmail.com C.F.: 90051330562 P.Iva: 01700340563
Realizzato con Simpleditor 1.7.5