X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
× Home Associazione Viriditas Ildegarda di Bingen Formazione CCMS Metodo Simonton Eventi Articoli Testimonianze Contatti Privacy Policy

Il potere terapeutico del canto gregoriano

Tra tutte le arti, la musica vanta un notevole potere terapeutico che comunemente chiamiamo musicoterapia È comprovato che i delfini, ascoltandola, rimangono immobili; le piante in serra crescono con esuberanza; le mucche producono più latte  e, addirittura, la musica favorisce il risveglio dal coma. La Vita e la Musica sono frequenza e ritmo. La Vita si manifesta nel ritmo che scandisce tutte le nostre funzioni vitali: il respiro, le pulsazioni del cuore, la pressione del sangue, la tensione muscolare nonché l'attività cerebrale.  Secondo la teoria pitagorica, l'universo è intrinsecamente musicale, il suo "tessuto" si compone di ritmi, numeri e proporzioni come gli intervalli dell'ottava, della quinta e della terza, e le sette note corrispondono  ai  sette "pianeti" conosciuti allora (Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno). La musica dà una configurazione matematica, ordinata e armonica alle frequenze sonore.  Tale codifica può armonizzare e elevare le nostre frequenze, cosi come può abbassarle e renderle caotiche.

Secondo gli studi del geniale medico francese Alfred Tomatis, sin dall'attimo del concepimento, in ogni istante della nostra vita, siamo immersi e coinvolti dalle onde sonore con cui risuona il nostro corpo. Dai suoi studi risulta che la musica sacra, in modo particolare, il ritmo codificato nel Canto Gregoriano, grazie alla ripetizione regolare di certi suoni, calma le onde di fondo della corteccia cerebrale, favorisce la concentrazione e la presenza, producendo un effetto terapeutico. Oltre agli effetti sul sistema nervoso, il movimento ascendente e discendente del canto gregoriano si sincronizza con i ritmi respiratorio e cardiaco. Questo movimento sinusoidale pervade l’intera opera musicale di Ildegarda.  Secondo la sua visione, la musica è il mezzo privilegiato che unisce l’uomo alla propria anima e al divino. La musica ricrea sulla terra l’armonia perduta,  rievoca lo stato paradisiaco originario dell’uomo, riconnette anima e corpo. Il suono, infatti, è il primo atto della creazione, è il Verbo con cui Dio ha posto in essere il mondo. La creazione è sinfonia che ha dato impulso al movimento circolare delle sfere e ai cori angelici che riecheggiano il suono primordiale.  Nei suoi scritti visionari molte sono le immagini ispirate alla musica. Per quanto il dramma esistenziale dell’uomo abbia avuto inizio da una perdita di connessione,  il corpo è  chiamato a risvegliare la sua anima sinfonica tramite la voce e gli strumenti per  ritrovare l’unità ed armonia originaria.

seguici su facebook seguici su Instagram seguici su YouTube
Associazione Ildegardiana Viriditas - centroviriditas@gmail.com C.F.: 90051330562 P.Iva: 01700340563
Realizzato con Simpleditor 1.7.5